TRIBUNALE DI BOLZANO; sentenza 27 maggio 1993, n. 529

TRIBUNALE DI BOLZANO; sentenza 27 maggio 1993, n. 529; Pres. Est. Delerba; VM (Avv. Colombo, Barbato) c. SW (Contumace).

 

Responsabilità civile – Equitazione – Escursione a cavallo – Attività pericolosa – Responsabilità extracontrattuale – Sussiste

 

Il responsabile di un maneggio che affida ad un escursionista un cavallo sotto la supervisione di un terzo accompagnatore, qualora il cavallo si lanci al galoppo autonomamente senza lasciarsi controllare e disarcioni l’escursionista, risponde ex art. 2050 c.c. dei danni cagionati all’escursionista se non prova di aver adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno. (Nella specie, il convenuto affida un cavallo all’attore per un’escursione in gruppo sotto la supervisione di un terzo accompagnatore. Il convenuto resta contumace non fornendo, così, la prova liberatoria richiesta dall’art. 2050 c.c.).

 

© Umberto izzo – Riproduzione riservata

  Testo della sentenza