CORTE D’APPELLO DI TRENTO; sentenza 11 maggio 1977 n. 189

CORTE D’APPELLO DI TRENTO, 11 maggio 1977 n. 189/77; Pres. Caruso, Rel. Erspamer; Imp. X (avv. Riz)Riforma Trib. Bolzano, 29 gennaio 1975

 

Responsabilità penale – Sci – Omicidio colposo – Investimento di una sciatrice ad opera di un altro sciatore – Mancata dimostrazione dell’eccessiva velocità – Assoluzione

 

Dev’essere assolto per insufficienza di prove lo sciatore che abbia investito un’altra utente della pista, cagionandone la morte, quando non venga fornita in giudizio la prova che l’investimento sia dovuto all’eccessiva velocità tenuta da primo. (Nella specie, l’imputato sarebbe sceso a forte velocità da un pendio ripido, investendo una sciatrice, ferma a bordo pista. Avendo egli sempre sostenuto di aver tenuto una velocità moderata e non essendovi testimoni, eccetto il marito della vittima, l’imputato viene prosciolto con formula dubitativa).

 

© Umberto Izzo – Riproduzione riservata

Testo della sentenza